Piano Spostamento Casa Lavoro

Cos’è il PSCL?

Il PSCL è un documento strategico che analizza lo stato di mobilità aziendale e individua misure utili a ridurre l’utilizzo del mezzo privato incentivando forme di mobilità sostenibili

I cambiamenti climatici che stanno caratterizzando gli ultimi periodi sono il segno evidente che tutti noi dobbiamo intervenire a sostegno dell’ambiente e del nostro territorio. Allo stesso modo l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile segna un percorso imprescindibile a cui le istituzioni, le organizzazioni, gli individui ma anche e soprattutto le imprese devono attenersi nel pieno rispetto dei pilastri inclusi nell’acronimo ESG (Environmental, Social, Governance).

A tal proposito, intraprendere un percorso di Mobilità Sostenibile è necessario e fondamentale per raggiungere tutti gli obiettivi di sostenibilità aziendale. La prima fase è quella dell’analisi e per conoscere lo stato di mobilità dei propri dipendenti è necessario realizzare il Piano degli Spostamenti Casa – Lavoro. Un documento in grado di mostrare una fotografia chiara le abitudini di mobilità quotidiane di tutti i dipendenti e rendicontare le emissioni prodotte dagli employee commuting, necessari per il Bilancio di Sostenibilità nella parte dedicata agli Scope 3.

Ma quali sono i vantaggi concreto di redigere il Piano Spostamenti Casa-Lavoro:

AZIENDA

– Compliant con le normative vigenti

– Ottimizzazione del budget di mobilità

– Accesso a informazioni necessarie al Bilancio Sociale d’Impresa (SCOPE 3)

– Possibilità di ottenere la Certificazione ISO 14001

DIPENDENTI

– Coinvolgimento nelle politiche aziendali

– Maggiore consapevolezza dell’impatto

– Possibilità di avere benefit di mobilità in azienda

AMBIENTE

– Riduzione delle emissioni prodotte dagli spostamenti

– Migliore condizioni di mobilità

– Tutela del territorio

Chi lo deve fare?

La normativa si riferisce a tutte le aziende con 100 dipendenti, che risiedono nei capoluoghi di Provincia, capoluoghi di Regione Comuni che fanno parte delle città metropolitane o con almeno 50.000 abitanti.

Come si sviluppa il progetto?

Step 1: Valutazione di Conformità

Il primo step è essere conforme alla normativa del DL 77/20 che prevede la nomina della figura del Mobility Manager aziendale, in mancanza di questa figura è possibile delegare la nomina a un nostro professionista di I’m Noleggio.

Step 2: Analisi

Studiamo lo stato della mobilità aziendale e le abitudini di spostamento dei suoi dipendenti attraverso una survey. Una volta georeferenziati su mappa sia le sedi lavorative che i dipendenti, le informazioni provenienti dalla survey, vengono elaborate tramite il software Mobility Manager dedicato.

Step 3: Redazione del Piano

Realizziamo il Piano Spostamenti Casa-Lavoro, attraverso un’attività di consulenza ingegneristica. Il documento, da inviare ogni anno al mobility manager d’area, permetterà di rispettare gli obblighi normativi e di avere un quadro chiaro della mobilità aziendale, di rendicontare le emissioni derivanti dall’employee commuting e di individuare gli interventi tecnici più adatti

Step 4: Report Inquinanti

Strutturiamo e inviamo il Report sugli inquinanti, un documento che rendiconta tutte le emissioni inquinanti prodotte dalla mobilità aziendale e nello specifico dagli spostamenti dei dipendenti. Attraverso il modello COPERT, lo studio calcola i principali fattori inquinanti di mobilità necessari per la realizzazione del Bilancio di Sostenibilità all’interno della sezione legata agli SCOPE 3.

Le soluzioni proposte da I’m Noleggio

– Fornitura del software “Mobility Manager”

– Redazione del Piano degli Spostamenti Casa – Lavoro

– Nomina di un Mobility Manager esterno per l’azienda

– Formazione del Mobility Manager aziendale

Richiedi informazioni
I campi con * sono obbligatori.




Sito in versione dimostrativa